Chi sono?

Mi chiamo Ilenia e sono una ragazza umbra estremamente curiosa, amante degli animali, della natura, delle scienze, del cibo e dei libri. Amo leggerli, viverli e respirarli, ma anche elaborarli attraverso libri creativi come i colouring books. Non ho un genere preferito ed ho sempre pensato che cercare di abbracciare la lettura nel suo insieme sia un enorme pregio. Ammetto, però, di avere qualche difficoltà con alcuni generi, come gli erotici, gli storici e i gialli (che leggo più raramente rispetto agli altri). In questo blog letterario scrivo della mia passione librosa, con grandissime soddisfazioni. Ho una relazione (molto) a distanza con un ragazzo di nome Gennaro, una figlia pelosa di nome Luna che rimarrà per sempre nel mio cuore - e che mi manca da morire da quando non c'è più- e frequento un'università che detesto (molto). Ho la sfortuna nel sangue, ma cerco di sorridere alla vita!

lunedì 30 ottobre 2017

Recensione: 'Il racconto dei racconti' di Giambattista Basile

Buongiorno lettori e buon inizio settimana! Finalmente oggi riesco a lasciarvi il mio parere su un libro che mi ha tenuto compagnia nell'ultimo periodo e mi ha permesso di concludere il mese con una lettura abbastanza soddisfacente. Si tratta di uno di quei libri che probabilmente non avrei mai scoperto se non per merito di un esame che dovrò fare a breve all'università!

Titolo: Il racconto dei racconti
Autore: Giambattista Basile
Pagine: 668
Prezzo: € 18,00
Editore: Adelphi
Traduzione: Ruggero Guarini

Trama«È il primo e il più grande di tutti i racconti della nostra tradizione in dialetto napoletano, non solo perché ne è il fondamento, ma perché ne segna anche il punto più alto. Infatti non è una raccolta di fiabe anonime come ce ne sono tante, ma di racconti fiabeschi e fantastici di un unico autore dotato di genio e di grande versatilità ... è il “cunto de li cunti” della plebe napoletana, un’opera letteraria di prim’ordine, ed è l’humus culturale da cui ancor oggi attingono linfa e ispirazione molti scrittori napoletani».



Recensione:

Inizierei dicendo che il volume è composto da cinquanta racconti (anzi, 49+1), uniti da una trama comune che torna nel libro all'inizio di ogni storia narrata. Si tratta di cinquanta fiabe e favole raccontate da dieci donne nell'arco di cinque giornate. Spesso ci troviamo davanti a rielaborazioni di storie che ben conosciamo (ad esempio, 'Cenerentola' o 'Il gatto con gli stivali'), mentre altre volte l'autore trae spunto da storie appartenenti allo sfondo letterario del mediterraneo creandone di nuove. In generale, questi racconti sono tutti piuttosto simili tra loro, nonostante siano molti, ma sono comunque scorrevoli e piacevoli da leggere.
Il libro è stato scritto originariamente in napoletano e quella di cui vi parlo io oggi è una traduzione in italiano, anche se in alcuni punti avrei preferito un po' più di accuratezza perché nonostante il testo sia stato tradotto, ci sono delle frasi e delle intere parti che chi non conosce il napoletano fatica comunque a comprendere. Nonostante questo, la narrazione scorre in modo abbastanza spedito e il libro si lascia leggere molto più velocemente di quanto si possa pensare. Le uniche parti che rallentano un po' la lettura sono le egloghe che chiudono ogni giornata che, nonostante siano comprensibili, sono scritte a mo' di filastrocca e questo crea uno strano ritmo nella lettura.
Lo stile dell'autore è allo stesso tempo semplice e ricercato ed alterna una parlata colloquiale e popolare ad espressioni ed immagini tratte da varie opere. Ho trovato molto belle le varie metafore che tratteggiano il giorno e la notte, così come mi sono molto piaciute alcune delle espressioni che costellano tutta la raccolta. Non mi è piaciuta, invece, la scurrilità (che a volte sfocia nel macabro) che in parecchi punti prende piede in un modo abbastanza forte; cosa che, come sapete, nei libri mi da piuttosto fastidio. Capisco che il libro è nato per essere recitato, prima che per essere letto, però ho trovato eccessive queste forme verbali.
Insomma, in generale devo dire che ci sono molte cose positive ne 'Il racconto dei racconti', che permettono al lettore di vivere molteplici avventure, ma allo stesso tempo ci sono dei punti che non mi hanno del tutto convinta.

8 commenti:

  1. Ti dirò, il film mi è piaciuto molto e mi ha incuriosita verso i racconti.
    Magari più in là, devo segnalarmelo, ché con tutti i libri che vorrei leggere... capace che me ne dimentico -_-'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho scoperto dell'esistenza del film solo la settimana scorsa e non so ancora se lo vedrò o no.
      Comunque ti capisco, anche io dico sempre 'questo me lo segno' e poi mi perdo tra la valanga di libri che possiedo già xD

      Elimina
  2. Mi piace, mi piace, mi piace! lo avevo letto tempo fa nella mia vecchia biblioteca del paese e ora.. mi hai fatto venir voglia di riprenderlo! Ma stavolta lo compro direttamente, leggo dal commento sopra che c'è anche un film? o.o non ne sapevo nulla!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io lo ho scoperto da poco, grazie a un commento di Giusy al mio ultimo www!

      Elimina
  3. Felice che, tutto sommato, tu lo abbia gradito! Spero di leggerlo prima o poi anche io!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi farebbe piacere conoscere il tuo parere, sopratutto visto che hai già guardato il film!

      Elimina
  4. è da tempo che voglio leggerlo ** Il film per me è stato bellissimo <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uuuuh, ma insomma, dove è stato questo film per tutto questo tempo? ahahah

      Elimina

Grazie per essere passato/a! Ti va di farmi sapere la tua opinione? Risponderò al più presto! :)