Chi sono?


io Mi chiamo Ilenia e sono una ragazza umbra estremamente curiosa, amante degli animali, della natura, delle scienze, del cibo, dei giochi da tavola/videogiochi e dei libri. Amo leggerli, viverli e respirarli. Non ho un genere preferito ed ho sempre pensato che cercare di abbracciare la lettura nel suo insieme sia un enorme pregio. Ammetto, però, di avere qualche difficoltà con alcuni generi, come gli erotici, gli storici e i gialli (che leggo più raramente rispetto agli altri). In questo blog scrivo della mia passione librosa, con recensioni e rubriche. Che altro posso dirvi di me? Ho una relazione (molto) a distanza con un ragazzo di nome Gennaro, sono laureata in Lingue e culture straniere e in Scienze socioantropologiche per l'integrazione e la sicurezza sociale. Non so ancora come sarà il mio futuro, ma sono molto determinata a scoprirlo. Ho la sfortuna nel sangue, ma cerco di sorridere alla vita!

venerdì 10 dicembre 2021

Recensione: 'Il corvo blu' di Federico Ellade Peruzzotti

Buongiorno lettori e buon venerdì! Cosa farete in questo fine settimana? Probabilmente io mi dedicherò alla lettura e cercherò anche di programmare qualche post. Per prima cosa, oggi vi lascio una nuovissima recensione!


Titolo: Il corvo blu
Autore: Federico Ellade Peruzzotti
Pagine: 451
Prezzo: € 21,00
Editore: Autopubblicato

Trama«Nell'anno 2015 scrissi una serie di fiabe inedite utilizzando i nodi narrativi e i personaggi ricavati da un vivo interesse verso le 'lugu' tradizionali dell'Estonia, storie tramandate in prosa o in musica da centinaia di anni. L'anno dopo decisi di usare come chiave proprio una delle fiabe che avevo composto e di aprirla come un vivisettore, sondarla con le mie domande, ricamarla di immagini nuove. Questo approccio perdurò così a lungo che il romanzo si nutrì naturalmente delle vicende e dei miei pensieri quotidiani, che nei quattro anni di stesura sono stati intrisi di coraggio, avventura e una quantità - ancora adesso giudicata "illimitata" - di ignoranza e ingenuità. Una fiaba crudelmente realistica, in cui principi, principesse, maghi, re e guardie in armatura dialogano con l'instabilità delle loro opinioni, la fragilità del corpo, i soldi, la pizza e le regole della società moderna, con le sue contraddizioni e i suoi tentativi vani di farsi amare dalla giustizia. "Il corvo blu" nasce quindi come una fiaba, si evolve come romanzo d'avventura e, proprio come il suo giovane e inesperto protagonista, si dibatte fino all'ultima pagina per trasformarsi in qualcosa di migliore.» (l'autore)



Tra viaggi e scoperte, quella raccontata da Federico Ellade Peruzzotti è una storia fatta di sogni dove il protagonista cerca di crescere sempre di più in ogni suo viaggio, mostrando al lettore come si possa allo stesso tempo migliorare e sbagliare.
Tra un paese e l'altro, la storia scorre ruotando attorno a quella che sembra quasi una favola, un mito moderno: il protagonista cerca di accrescere il suo bagaglio di esperienze per poter superare una difficilissima prova. Solo se riuscirà a superare i cento giorni utili a stupire la principessa, allora potrà definirsi soddisfatto. Quello che è il motivo principale del tanto girovagare del giovane, però, diviene quasi un qualcosa di secondario difronte a tutte le esperienze che egli si trova a vivere e superare e tutti i personaggi in cui si imbatte nel corso del suo viaggio.
In ogni luogo che supera e in ogni persona che incontra, il nostro protagonista cerca di insegnare qualcosa al suo lettore e lo fa attraverso l'alternanza con un narratore onnisciente che solo sul finale (che, ne sono certa, saprà sorprendervi) svelerà la sua identità.
Il corvo blu è un libro molto particolare, ambientato in un mondo che mescola modernità con antichità e narrato attraverso uno stile che a tratti mi ha ricordato i personaggi de Il castello errante di Howl e Stardust. Infatti in Il corvo blu tutti, tranne il protagonista, parlano attraverso un linguaggio distorto. Se inizialmente questa scelta fa sorridere il lettore, devo ammettere che ad un certo punto rende difficile l'approccio alla storia: è complicato, infatti, seguire i discorsi di tutte le persone che si incontrano in quanto più si va avanti con la storia più il linguaggio diventa distorto e meno è scorrevole la narrazione. Insomma, quello che inizialmente sembra essere un punto di forza ad un certo punto diventa una sorta di punto debole che rallenta il tutto.
Il corvo blu è sicuramente un libro interessante, che richiede un certo livello di attenzione per essere letto, ma che comunque lascia un piacevole ricordo al lettore.




1 commento:

  1. Le premesse sono interessanti però personalmente non apprezzo i libri con un linguaggio poco chiaro anche se è una caratteristica fondamentale per la trama, tendono un po' ad annoiarmi a lungo andare :/

    RispondiElimina

Grazie per la visita! Se ti va, ricordati di lasciare un commento. Risponderò al più presto!❤