Chi sono?

Mi chiamo Ilenia e sono una ragazza umbra estremamente curiosa, amante degli animali, della natura, delle scienze, del cibo e dei libri. Amo leggerli, viverli e respirarli, ma anche elaborarli attraverso libri creativi come i colouring books. Non ho un genere preferito ed ho sempre pensato che cercare di abbracciare la lettura nel suo insieme sia un enorme pregio. Ammetto, però, di avere qualche difficoltà con alcuni generi, come gli erotici, gli storici e i gialli (che leggo più raramente rispetto agli altri). In questo blog letterario scrivo della mia passione librosa, con grandissime soddisfazioni. Ho una relazione (molto) a distanza con un ragazzo di nome Gennaro, una figlia pelosa di nome Luna (sì, è la mia gatta, una dei diecimila animali che possiedo) e frequento un'università che detesto (molto). Ho la sfortuna nel sangue, ma cerco di sorridere alla vita!

giovedì 22 maggio 2014

Recensione: 'Purgatorio' di Francesco Gungui

Buongiorno! Per non lasciare vuoto nemmeno un giorno di questa settimana ricca di post, ho deciso di condividere con voi la mia recensione del secondo volume della serie 'Canti delle Terre Divise' che mi sono letteralmente mangiata ieri. Vi ricordo, per chi non l'avesse fatto, che potete leggere anche la vecchia recensione del primo libro andando a questo link.

Titolo: Purgatorio
Autore: Francesco Gungui
Serie: Canti delle Terre Divise #2
Pagine: 392
Prezzo: € 14,90
Editore: Fabbri Editori

Trama: Alec e Maj sono riusciti nell'impresa impossibile. Sono scappati dall'Inferno, la prigione che nel prossimo futuro serve a rinchiudere e spesso eliminare chi si oppone al potere dell'Oligarchia, costringendolo a interminabili prove di sopravvivenza ispirate dall'Inferno di Dante. Scappando, però, Alec e Maj hanno creato una frattura nel mondo strettamente controllato da eserciti e tecnologia. Hanno dimostrato che opporsi è possibile e hanno dato il via a tanti piccoli focolai di rivolta. Per questo l'Oligarchia deve trovarli ed eliminarli al più presto. Intanto i due ragazzi, nati agli estremi opposti delle Terre Divise - lei cresciuta a Paradiso tra i ricchi, lui a Europa, la città stato dei miserabili - hanno raggiunto un'isola che l'Oligarchia non sa nemmeno esistere. È Purgatorio, dove ribelli e profughi da tutto il mondo trovano rifugio e progettano di rovesciare l'Oligarchia. Per essere accettati a Purgatorio, però, occorre compiere un difficile cammino scalando la montagna che sorge al centro dell'Isola, una prova da cui non è detto si riesca a tornare vivi. Ma la sorpresa più grande per Alec è la scoperta che a capo di Purgatorio vi è uno dei primi architetti di Inferno, un uomo che credeva morto da anni: suo padre.


Recensione:

Un piccolo avviso: questa sarà una recensione un pò confusionaria. Non riesco proprio a mettere in ordine le sensazioni che mi ha lasciato questo libro! 
Direi di cominciare semplicemente dicendo che in questo secondo volume della trilogia ho trovato qualcosa di diverso; un tocco di sadismo marcato che non ricordo di aver riscontrato leggendo 'Inferno'. Nulla di male, ovviamente, non sono il tipo che si lascia scandalizzare, anzi. La lettura è stata come sempre scorrevole e piacevole, così come i personaggi sono ancora i soliti simpatici ragazzi che hanno conosciuto il dolore e gli sforzi della fame e della dura vita troppo presto, uscendone più maturi di quanto la loro età richiederebbe.
Devo però ammettere che Maureen sta cominciando ad essermi antipatica, con i suoi complessi strambi. Dovrebbe darsi una scossa e decidere da che parte stare. Certo, ci sarebbe anche da compatirla dopo quello che le hanno fatto, però non ci riesco! (Forse qui la sadica sono io e non l'autore?!)
L'unico appunto che ho da fare è sul continuo circolo vizioso che si crea nei personaggi per quanto riguarda la morte. Tutti muoiono ripetutamente, senza mai morire davvero. Non c'è nemmeno un pò di suspance. Nel senso, la riga prima stanno morendo e la riga dopo stanno bene e sono vivi e vegeti. Il punto è.. Poverini, perché farli soffrire così se poi è tutta una farsa?


14 commenti:

  1. Ho iniziato Inferno in questi giorni...non mi sembra male.

    RispondiElimina
  2. Ah oddio!! Sono curiosaaaaaa!!! ;D

    RispondiElimina
  3. oddio, mi stai dicendo che qualcuno morto precedentemente torna? *spera*
    Purgatorio devo iniziarlo, ma ho troppa paura che mi deluda. Inferno è stata una lettura con alti e bassi e be'..questo è un secondo volume..non vorrei che non mi piaccia D:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hm, forse? ahahahahah
      Dai dai, speriamo che 'Purgatorio' ti piacerà!

      Elimina
  4. Bene, bene, a volte ritornano. Ricordo che Inferno mi era piaciuto molto e sono felice di vedere che la seconda parte "Purgatorio" ha ricevuto il tuo parere positivo. Complimenti per la recensione:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, spero di poter leggere presto la tua!

      Elimina
  5. Ciao Ile..proprio stamattina mi è arrivato "Inferno"...speriamo mi piaccia, sono troppo curiosaaa *o*

    RispondiElimina
  6. Quasi quasi la trama di Purgatorio mi attira più di quella di Inferno.. ma ancora devo iniziare la saga quindi è più una sensazione che altro.... ^_^

    RispondiElimina
  7. Mmm... ho visto questa trilogia in libreria ed ero DAVVERO curiosa, andrò a leggere anche la tua recensione di inferno per farmi un'idea :3

    RispondiElimina

Grazie per essere passato/a! Ti va di farmi sapere la tua opinione? Risponderò al più presto! :)