Chi sono?

Mi chiamo Ilenia e sono una ragazza umbra estremamente curiosa, amante degli animali, della natura, delle scienze, del cibo e dei libri. Amo leggerli, viverli e respirarli, ma anche elaborarli attraverso libri creativi come i colouring books. Non ho un genere preferito ed ho sempre pensato che cercare di abbracciare la lettura nel suo insieme sia un enorme pregio. Ammetto, però, di avere qualche difficoltà con alcuni generi, come gli erotici, gli storici e i gialli (che leggo più raramente rispetto agli altri). In questo blog letterario scrivo della mia passione librosa, con grandissime soddisfazioni. Ho una relazione (molto) a distanza con un ragazzo di nome Gennaro, una figlia pelosa di nome Luna (sì, è la mia gatta, una dei diecimila animali che possiedo) e frequento un'università che detesto (molto). Ho la sfortuna nel sangue, ma cerco di sorridere alla vita!

lunedì 14 marzo 2016

Recensione: 'The Junkie Quartain. Gli infetti di Baugh' di Peter Clines

Buongiorno lettori e buon inizio settimana! In questi ultimi giorni ho postato pochissimo nel blog, però oggi riesco finalmente a tornare da voi ed aggiornarvi con un nuovo post! 
Con questo libro ho iniziato il mio tanto amato-odiato project ten books che, a questo punto, credo impiegherò davvero moltissimo a finire visto che per concludere un libro così breve ho impiegato una settimana e i libri che mi rimangono sono tutti lunghissimi!!!

Titolo: The Junkie Quatrain. Gli infetti di Baugh
Autore: Peter Clines
Pagine: 153
Prezzo: € 11,90
Editore: Dunwich Edizioni

TramaSei mesi fa il mondo è finito. Il Contagio di Baugh si è diffuso su tutto il pianeta. Le vittime si sono trasformate in cannibali presto conosciuti con il nome di tossici. La civiltà è crollata e i superstiti hanno creato rifugi isolati per nascondersi dagli infetti... o dai presunti tali. Ora, mentre la società si avvicina a un punto critico, molte vite si incrociano e si intersecano per due giorni in una Los Angeles desolata. Quattro storie di sopravvivenza in uno scenario post apocalittico. Perché la fine del mondo può significare cose diverse per persone diverse. Perdita. Opportunità. Speranza. O magari solo un altro giorno di lavoro.

Recensione

Ci sono persone che, per variare un po' e staccare dai soliti generi, si leggono libri leggeri leggeri... e poi ci sono io, che al contrario mi butto nell'horror. E che horror!
Sono soddisfatta di questa lettura, per diversi motivi. Come sapete non sono una grandissima amante delle raccolte di racconti, ma questo libro mi attirava tantissimo e non ho saputo dirgli di no. Per fortuna, direi, dato che grazie a Peter Clines ho scoperto un nuovo modo di 'fare racconti'. La particolarità, infatti, sta nel fatto che ogni racconto è diviso dagli altri, ma allo stesso tempo, collegato con tutti. 
Come dice l'autore nella sua prefazione, ogni racconto tocca tutti gli altri e nessuno di essi ha un ordine preciso di lettura. Credo sia davvero divertente e sorprendente come una raccolta di questo genere possa creare sensazioni di sorpresa diverse in ogni lettore che decide di leggere prima un racconto rispetto ad un altro, senza seguire - come ho fatto io - l'ordine inserito nel libro che, già di per sé, lascia il lettore a bocca aperta.
Lo stile dell'autore è quel bello stile puramente dell'orrore, ma che non sfocia nell'esagerato o in uno splatter spinto che potrebbe dare fastidio. Mi è piaciuto il suo modo di scrivere preciso e coinciso e la sua capacità di riuscire a scrivere in una maniera diversa a seconda del protagonista principale del racconto. E' una sorta di camaleontismo che mi ha davvero stupita e mi ha aiutata ad apprezzare maggiormente ogni personaggio presente nelle varie storie.
Di tutti i racconti, tra i miei preferiti rientra sicuramente il primo, mentre quello che ho compreso di meno è l'ultimo che mi è sembrato l'unico davvero spinto all'estremo. Nel senso che la maggior parte delle coincidenze con gli altri racconti mi sono sembrate un po' spinte, nonostante la storia mi sia piaciuta.
Per il resto, consiglio davvero questa raccolta a tutti coloro che hanno voglia di addentrarsi in un'atmosferica distopica-horror, in cui il mondo è finito da un pezzo. Almeno sei mesi.

16 commenti:

  1. Anche io ho un rapporto strano con le raccolte di racconti però questa mi ispira parecchio*_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti piace il genere vedrai che ti sorprenderà!!!

      Elimina
  2. Wow! Mi hai davvero incuriosito! Ci farò un pensierino! :)

    RispondiElimina
  3. Ciao Ilenia :) Sono contenta che ti sia piaciuto! Anche io sono rimasta particolarmente sorpresa da questa "raccolta", e poi mi piace il genere horror + zombie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me, è stata una combinazione molto positiva!

      Elimina
  4. Questi racconti mi interessano molto, grazie per avermeli fatti scoprire =D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per esserti soffermata sulla recensione!

      Elimina
  5. Avevo letto tempo fa la recensione do Rosa, ma mi ero dimenticata di segnarmi il titolo! Ora non ha scampo, sarà mio!!! XD

    RispondiElimina
  6. Questo me lo segno! Le raccolte di racconti non sono il mio forte e i romanzi horror mi annoiano a morte, ma le raccolte di racconti horror mi piacciono (lo so che è strano, ma me ne sono fatta una ragione! :P) quindi questa potrebbe anche fare al caso mio! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahhaahah dai, sempre meglio che odiare anche loro!

      Elimina
  7. Non sono una grande fan dei racconti, credevo fosse un unico romanzo, anzi, una serie e mi interessava a tal proposito ma così non so.. non sono un po il mio forte le storie brevi >.<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, ti dico che quando ho scoperto che era una raccolta ci sono rimasta male pure io ahahaha però ne vale la pena!

      Elimina

Grazie per essere passato/a! Ti va di farmi sapere la tua opinione? Risponderò al più presto! :)