Chi sono?

Mi chiamo Ilenia e sono una ragazza umbra estremamente curiosa, amante degli animali, della natura, delle scienze, del cibo e dei libri. Amo leggerli, viverli e respirarli, ma anche elaborarli attraverso libri creativi come i colouring books. Non ho un genere preferito ed ho sempre pensato che cercare di abbracciare la lettura nel suo insieme sia un enorme pregio. Ammetto, però, di avere qualche difficoltà con alcuni generi, come gli erotici, gli storici e i gialli (che leggo più raramente rispetto agli altri). In questo blog letterario scrivo della mia passione librosa, con grandissime soddisfazioni. Ho una relazione (molto) a distanza con un ragazzo di nome Gennaro, una figlia pelosa di nome Luna (sì, è la mia gatta, una dei diecimila animali che possiedo) e frequento un'università che detesto (molto). Ho la sfortuna nel sangue, ma cerco di sorridere alla vita!

venerdì 17 giugno 2016

Recensione: 'Il cuore buio' di Pina Varriale

Buongiorno lettori! Oggi vi lascio una nuova recensione! Sì, lo so, questa settimana sto esagerando: addirittura due!! ahahahahahahah La verità è che, approfittando della fine delle lezioni, ho iniziato a leggere di notte quando non sono morta di sonno dopo la giornata di studio, quindi sono riuscita a leggermi questo libricino in pochissimo tempo!
De 'Il cuore buio' avevo sentito molti pareri positivi ed altrettanti negativi. Il mio, purtroppo, rientra nella seconda categoria e qui sotto vi spiego perché!

Titolo: Il cuore buio
Autore: Pina Varriale
Pagine: 208
Prezzo: € 10,00
Editore: Edizioni Cento Autori

TramaDopo la morte del nonno, la diciassettenne Alice decide di restare a Montelupo da sola. Non ha nessuna intenzione di seguire la madre a Milano né di andare a stabilirsi dal padre che ormai vive con un'altra donna. Alice è una ragazza introversa, a scuola non ottiene risultati brillanti e se non fosse per l'aiuto del prof. Giorgio Tancredi, spesso si metterebbe a rischio di essere allontanata. Durante il suo solitario soggiorno, Alice conosce Roby, un ventenne che suona in un pub a Montelupo. Roby alza spesso il gomito, si comporta da ribelle ma esercita una forte fascino sulla ragazza. Alice pensa di esserne innamorata ma non è certa di essere ricambiata. Il prof. Tancredi, con cui la ragazza si confida, non approva quell'amicizia perché pensa che Roby abbia una cattiva influenza su di lei. Roby, infatti, trascina Alice in un grosso guaio. Alla fine la ragazza riuscirà ad uscirne fuori e sarà per lei il momento di seppellire alcuni mostri del suo passato e voltare pagina, guardando al futuro con occhi nuovi.


Recensione:

Nei riguardi di questo libro, devo dire di aver trovato la narrazione molto scorrevole, nonostante i temi trattati e mi è piaciuto molto lo stile di scrittura dell'autrice. Purtroppo, però, è proprio l'insieme di tutte le tematiche che si incontrano nel libro che mi ha turbata. Io lo ho trovato molto pesante e spesso davvero inquietante. La prima parte del libro, infatti, mi ha messo addosso una sensazione stranissima, al punto che ho dovuto interrompere la lettura. Forse complice il fatto che stavo leggendo di sera, le prime settanta pagine mi hanno davvero inquietata con l'aspetto quasi thriller della storia, in cui la protagonista combatte contro uno psicopatico che minaccia di ucciderla.
La storia in sé devo dire che mi è piaciuta, ma poteva essere sviluppata un po' meglio. Secondo me l'autrice avrebbe dovuto o soffermarsi su un paio di temi e svilupparli, oppure allungare la storia, perché tutto l'insieme risulta quasi eccessivo. In duecento pagine si parla di abusi, maltrattamenti, isolamento, alcool e quant'altro, passando da un argomento all'altro senza mai soffermarsi realmente su uno di essi. In particolar modo il tema dell'abuso devo dire che mi ha disturbata, perché è stato messo nella storia con una semplicità quasi disarmante!
Oltre questo fattore, ci sono degli aspetti che non mi hanno convinta. Innanzitutto, non riesco davvero a comprendere come una ragazzina possa essere lasciata vivere da sola lontana da tutti, così come non concepisco il suo 'coraggio' verso uno psicopatico che ogni notte le entra in casa (anche se devo ammettere di aver compreso la soluzione del mistero già da metà libro). Altre cose che non mi hanno del tutto soddisfatta sono il modo in cui Robi è entrato ed uscito dalla storia, senza lasciare niente nonostante ne facesse parte per la maggior parte; e il modo in cui il professore si rapporta con la protagonista, come se fossero coetanei. Parlando di Aldo, invece, non ho compreso se questa famosa nipote Lisa e l'omonima scrittrice su Internet ci entrassero qualcosa una con l'altra.
Insomma, la base per una buona storia c'è, però purtroppo non mi ha convinto il modo in cui è stata sviluppata.

11 commenti:

  1. Oddio, se davvero c'è tutta questa marea di temi delicati direi che l'età consigliata è davvero troppo bassa! O_O
    Se poi vengono trattati frettolosamente.. no no, non mi piace.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ad oggi hanno cambiato l'età raccomandata da 10 a 14, quindi ho cancellato quella frase in cui sottolineavo che 10 fosse un'età troppo bassa per questo tipo di libro!
      Però in sostanza rimangono un insieme di temi tutti appiccicati, quindi non mi è andato giù!

      Elimina
  2. Assolutamente temi delicati! Comunque non lo conoscevo questo libro, grazie😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' sempre un piacere far conoscere nuovi libri! :D

      Elimina
  3. Ciao Ile!
    Il cuore buio l'avevo inizialmente aggiunto in wl ma poi ho trovato tantissime recensioni negative e ... credo che continuerò a rimandarne la lettura. u.u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io avevo letto una recensione molto positiva, poi però molte altre non proprio soddisfatte. Ci speravo nel trovarlo molto bello!!! Però è andata così xD

      Elimina
  4. Oh, concordo su tutto, Ilenia >.<
    Davvero, troppi temi e tutti buttati lì così. Anche se la CE ha poi pubblicato su FB che il libro è adatto per i ragazzini di età maggiore a 13, non 10, come indicato sugli store online. Ma non cambia nulla, secondo il mio parere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ora che me l'hai detto sono andata a ricontrollare su ibs ed ho visto che hanno cambiato l'età base, quindi ho modificato la frase per correttezza! Purtroppo avevo scritto la recensione prima del cambiamento, quindi ero rimasta indietro!!
      In ogni caso, comunque, concordo con te sul fatto che questo cambia praticamente nulla!!!

      Elimina
  5. Mi spiace che non ti abbia convinto e parecchie cose che hai scritto mi hanno fatto storcere il naso, quindi penso che, almeno per il momento, lascerò perdere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un peccato perché la storia di base sembrava promettere bene!

      Elimina
  6. Ho appena pubblicato la recensione e sono d'accordo con te: una buona idea di base, tanti spunti che sarebbero potuti diventare interessanti ma sviluppati con troppa fretta. Secondo me l'età consigliata è dai 14 ai 17. Non meno ;)

    RispondiElimina

Grazie per essere passato/a! Ti va di farmi sapere la tua opinione? Risponderò al più presto! :)