Chi sono?

Mi chiamo Ilenia e sono una ragazza umbra estremamente curiosa, amante degli animali, della natura, delle scienze, del cibo e dei libri. Amo leggerli, viverli e respirarli, ma anche elaborarli attraverso libri creativi come i colouring books. Non ho un genere preferito ed ho sempre pensato che cercare di abbracciare la lettura nel suo insieme sia un enorme pregio. Ammetto, però, di avere qualche difficoltà con alcuni generi, come gli erotici, gli storici e i gialli (che leggo più raramente rispetto agli altri). In questo blog letterario scrivo della mia passione librosa, con grandissime soddisfazioni. Ho una relazione (molto) a distanza con un ragazzo di nome Gennaro, una figlia pelosa di nome Luna (sì, è la mia gatta, una dei diecimila animali che possiedo) e frequento un'università che detesto (molto). Ho la sfortuna nel sangue, ma cerco di sorridere alla vita!

lunedì 20 febbraio 2017

5 curiosità librose (su di me)!

Buongiorno lettori carissimi! Oggi ho scelto di fare un post che secondo me è davvero simpatico e si trova a metà tra un tag e un post chiacchiereccio di curiosità! Navigando su Instagram, qualche tempo fa ho scovato questa serie di post in cui l'amministratrice de L'odore dei libri 7 faceva in ogni post una domanda librosa ai suoi contatti, fino ad arrivare a cinque quesiti! Con il benestare dell'amministratrice, ho pensato di rispondere a queste domande qui nel blog, così da poterne parlare un po' con tutti i miei lettori (anche perché sono curiosissima di sapere quali sono le vostre risposte!).

1. Presti mai i tuoi libri? Se "no", come ti comporti se qualcuno te ne chiede in prestito uno? Direi di cominciare dicendo che fino a qualche anno fa prestavo i miei libri senza problemi, ma dato che molti me ne sono tornati indietro rotti e che altrettanti non sono mai tornati a casa, ho deciso di non prestarne più a nessuno. Da qualche buon anno, il mio motto quando qualcuno mi chiede un libro in prestito è 'i libri che presti si offendono, per questo non tornano a casa', un modo gentile per dire che non ci devono pensare nemmeno all'idea che io gli dia volontariamente uno dei miei libri. 
Ad oggi, sono davvero pochissime le persone a cui sarei disposta a prestare libri e quelle persone sono particolarmente speciali, altrimenti non avrebbero questo 'privilegio' (suona brutto, ma passatemi il termine). Nonostante la mia enorme fiducia in loro, però, penso che se me ne chiedessero mi sentirei comunque un pochino in ansia ahahahah

2. Esce il sequel di una serie dopo qualche anno e temei di non ricordare tutti i particolari del libro precedente. Cosa fai? Come ben sapete, io non rileggo mai libri che ho già concluso in passato, indifferentemente dalla quantità di tempo che è trascorso dal momento in cui ho girato l'ultima pagina. Molto spesso mi è capitato di leggere i seguiti di una serie ad anni di distanza uno dall'altro ed ho sempre avuto qualche difficoltà, sopratutto in caso di serie che non mi avevano presa al 100%. In questi casi non rileggo il/i libro/i precedente/i, ma mi limito a rileggere la trama e a sfogliare qualche pagina qua e là per captare informazioni. Ho la fortuna di riuscire a ricordare il contenuto di un libro rileggendone qualche riga!

3. Acquisti online o in libreria? Quanti libri compri di solito? Allora, la maggior parte delle volte acquisto in libreria e in quel caso posso uscire dallo stabile anche soltanto con un libro nella busta, mentre altre volte ne compro anche due o tre. Dipende molto dai prezzi dei libri e dalle occasioni (ad esempio se ho un buono che mi hanno regalato per il compleanno, tendo ad acquistare più libri del solito). Per quanto riguarda gli ordini online, ne faccio davvero pochi. Credo di averne fatti solo due o tre in vita mia e in quei casi tendo ad acquistare più libri per il semplice fatto che voglio raggiungere la soglia minima per annullare le spese di spedizione. Inoltre, online tendo a comprare sopratutto libri che non si trovano nelle librerie fisiche.

4. Hai una fila di libri da leggere (diciamo 10), come scegli quale iniziare? Questa è una domanda a cui ho già risposto all'interno della mia rubrica Diario di una Blogger. A volte scelgo il libro basandomi sul genere che più mi va di leggere in quel preciso momento, sulla copertina/titolo che mi attira di più o vedendo se un libro sembra avere una storia leggera o no (ci sono dei periodi in cui non riesco proprio a leggere storie pesanti, quindi do la precedenza agli altri). Quando, però, nessuno di questi metodi mi viene in aiuto, seleziono alcuni dei titoli che mi attirano di più in quel momento ed invio una foto al mio fidanzato, lasciando che sia lui a scegliere il libro che più gli attira in quell'immagine.

5. Hai iniziato ed abbandonato un libro, passando a un altro. Che fai? Oppure non ti è mai successo? Come ben sapete, io tendo a non lasciare mai libri a metà, quindi la maggior parte delle volte preferisco sforzarmi per raggiungere la fine, piuttosto che abbandonare la lettura. In rari, rarissimi casi, non ci riesco e preferisco mettere da parte quel determinato libro per passare a un altro. Potete stare certi, però, che prima o poi tornerò sul volume che ho abbandonato e lo concluderò, perché sapere di averlo lasciato andare mi fa sentire troppo in colpa.

Queste sono le mie risposte a queste cinque domande librose, voi cosa avete da dirmi al riguardo?
Fatemi sapere lasciando un commento e, se volete rispondere nel vostro blog, non dimenticate di mettere i crediti de L'odore dei libri 7, che ha creato l'iniziativa!

16 commenti:

  1. Io non ho prestato mai e poi mai i miei libri, se non a due persone. Una delle due - quella che praticamente non è una lettrice - mi ha riportato i libri in uno stato perfetto, la mia migliore amica - una lettrice come me - mi ha riportato due libri con gli angoli un po' rovinati... immagina la mia faccia. Sto sviando l'argomento prestiti e quasi sto pensando di regalarle i libri, piuttosto che prestarglieli XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddeus, non si può sentire che un non-lettore abbia curato i libri in un modo migliore rispetto ad una lettrice accanita!
      Fai bene, regalaglieli e tieni al sicuro i tuoi xD

      Elimina
  2. Ciao Ilenia, post davvero interessante ❤
    Io prima di prestare i libri - i casi sono molto rari, ma può sempre succedere -, osservo come la persona tiene i propri titoli, sia sugli scaffali, sia mentre legge. Mi sento male quando vedo le copertine girate del tutto o le orecchie alle pagine e, non volendo la stessa sorte per i miei libri, devo studiare il soggetto prima di prendere una decisione.
    Purtroppo detesto le serie i cui volumi escono ad anni di distanza, preferisco aspettare che siano tutti stati pubblicati e comprarli.
    Infine, quando non so cosa scegliere come prossima lettura, mi lascio ispirare dal momento e dalla trama che mi incuriosisce di più!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io osservo molto le persone sotto questo punto di vista e tendo ad essere piuttosto rigida: non voglio orecchie sulle pagine né copertine girate. Un'altra cosa che osservo per bene è se la sovracopertina viene tolta o no dal libro! Io la tolgo sempre per paura di rovinarla e mi fa male il cuore a pensare che qualcuno potrebbe correre il rischio!

      Elimina
  3. Di solito neanch'io rileggo i libri, però negli ultimi anni ammetto di averlo fatto un paio di volte, ma sempre con libri che avevo adorato e, una volta uscito il seguito, volevo avere la storia ben chiara (purtroppo con la testa che mi ritrovo spesso dimentico anche dettagli fondamentali di storie che ho amato ^^").

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non riesco a leggere più volte lo stesso libro perché, anche se mi sembra di aver dimenticato tutto della trama, appena rileggo i primi capitoli mi torna in mente ogni cosa! Preferisco dedicarmi sempre a storie nuove :D

      Elimina
  4. La mia "fortuna" è che nessuna delle mie amiche legge tanto quanto me. Ho prestato i miei libri solo ad una di loro - se li è tenuti un po' e avevo l'ansia, ma sono tornati in perfette condizioni. Quindi non ho nessuno che mi faccia questa domanda scomoda: al massimo li presto a mia madre e lei sa quanto sono ossessiva e se ne prende cura come se fossi io a maneggiarli. xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando mi capita di prestare libri anche io sto con l'ansia tutto il tempo ahahahah sto li a chiedermi: ma chi me l'ha fatto fare?!? Come mi ha convinta?!?! ahahahahha
      Mia mamma non mi crea problemi, so perfettamente che li tiene in uno stato ottimo. Anche lei ci tiene molto!

      Elimina
  5. Non l'avrei mai detto... Sono stupefatta, se non avessi letto le tue risposte consapevole che erano le tue, avrei pensato che fossero le mie. D'accordo su tutta la linea 😉

    RispondiElimina
  6. Mi piace questo tag lo farò anche io! Comunque neanche io presto più libro, ora che poi mi è ritornata la voglia di leggere ci tengo molto al loro stato e non mi va di ritrovarmeli con macchie, strappi o altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Argh, non farmici pensare! Una volta mi hanno riportato un libro con una pagina strappata a metà!

      Elimina
  7. Anch'io presto libri solo a persone di cui posso fidarmi, ci tengo troppo e chi mi conosce sa che deve tornare nelle mie mani esattamente come è stato lasciato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il rischio di riportare un libro rovinato a lettrici come noi costa molto caro ahahahahha

      Elimina
  8. Anche se in ritardo, grazie infinite per questo bellissimo post. Le risposte sono praticamente sulla mia linea e ciò mi fa ridere (e anche sentire meno psicopatica). Grazie ancora
    Un bacione
    Claudia

    L'odore dei libri 7

    RispondiElimina

Grazie per essere passato/a! Ti va di farmi sapere la tua opinione? Risponderò al più presto! :)