Chi sono?

me
Mi chiamo Ilenia e sono una ragazza umbra estremamente curiosa, amante degli animali, della natura, delle scienze, del cibo, dei giochi da tavola/videogiochi e dei libri. Amo leggerli, viverli e respirarli, ma anche elaborarli attraverso libri creativi come i colouring books. Non ho un genere preferito ed ho sempre pensato che cercare di abbracciare la lettura nel suo insieme sia un enorme pregio. Ammetto, però, di avere qualche difficoltà con alcuni generi, come gli erotici, gli storici e i gialli (che leggo più raramente rispetto agli altri). In questo blog letterario scrivo della mia passione librosa, con grandissime soddisfazioni. Ho una relazione (molto) a distanza con un ragazzo di nome Gennaro, una figlia pelosa di nome Luna che rimarrà per sempre nel mio cuore - e che mi manca da morire da quando non c'è più- e sono laureata in una facoltà che detesto (molto). Ho la sfortuna nel sangue, ma cerco di sorridere alla vita!

sabato 6 aprile 2019

Recensione: 'La casa per ognidove' di Diana Wynne Jones

Buongiorno lettori! Quest'anno una delle sfide più difficili che mi sono assegnata è sicuramente quella di concludere almeno tre serie. Oggi vi lascio la recensione del terzo volume della prima trilogia che concludo in questo 2019, ma il problema da ora in poi è che credo di aver finito le serie a disposizione in cui avevo rimasto da leggere soltanto l'ultimo libro. Ora arriva il gioco duro, visto che dovrò prendere in mano le altre serie che ho e cominciarle dall'inizio. Non sarà facile, visto la facilità con cui mi perdo tra un volume e l'altro, ma conto di farcela. Molte serie le ho in volume unico e magari quello mi spronerà maggiormente!
Intanto, ecco a voi la recensione senza spoiler dell'ultimo libro della serie Il castello errante di Howl.

Titolo: La casa per ognidove
Serie: Il castello errante di Howl #3
Autore: Diana Wynne Jones
Pagine: 201
Prezzo: € 15,00
Editore: Kappa Edizioni
Traduzione: Francesca Guerra

TramaCharmain Baker vive serenamente, trascorrendo le sue giornate tra i libri. Quando un bel giorno deve raggiungere il prozio William che giace a letto ammalato, sembra l'occasione per vivere una bella avventura. Ma la cose si complicano quando scopre che William è un potente mago e che la sua casa si sposta nello spazio e nel tempo. Charmain non è certo preparata ad avere a che fare con una casa magica! Aprendo una porta si può passare dalla sala alla cucina, ma anche trovarsi proiettati in una terra lontana. Fin dal suo arrivo, Charmain Baker farà una serie di incontri sorprendenti, ma la sua vita prenderà una piega davvero inaspettata solo quando incontrerà dei personaggi che ben conosciamo: Sophie, il demone Calcifer e, sotto mentite spoglie, il terribile mago Howl!


Recensione:

La cosa che più mi fa sorridere di questa serie è il modo in cui negli ultimi volumi Howl, Calcifer e Sophie siano dei personaggi secondari che si affacciano timidamente alla trama. La loro presenza ci permette di comprendere in che modo la loro vita è andata avanti e come la loro presenza sia ancora di massima importanza per la storia, anche se non più da protagonisti.
In questo caso, infatti, il personaggio principale è Charmain, una ragazzina piuttosto antipatica per i suoi modi di fare che la mostrano costantemente altezzosa e piena di sé. Di certo questo comportamento le è stato inculcato dal fatto che la madre non le abbia mai permesso di alzare un dito in casa e la abbia lasciata soltanto leggere nella sua vita, senza preoccuparsi mai di nulla; però anche quando le viene data l'opportunità di redimersi e dimostrare di essere cambiata ed essere più gentile, Charmain non dimostra assolutamente di avere l'intenzione di superare i suoi punti di vista. 
Quello che sembrava voler essere a suo modo anche un romanzo di formazione a mio parere fallisce un po' il suo fine sulla protagonista. Al contrario, lo porta avanti in Peter, un ragazzino che andrà a vivere con Charmain a casa del prozio. Questo ragazzino dall'aria impacciata non ha una vera e propria importanza fino ad un certo punto della trama, ma è fondamentale per distrarre il lettore dalla figura della protagonista.
La storia, narrata con uno stile curato, semplice e scorrevole, trasporta il lettore in un mondo nuovo dove la magia regna sovrana e la casa di William diventa la vera protagonista con i suoi percorsi infiniti. Tutta la storia è ambientata tra queste quattro mura e quelle del castello del Re (dove un mistero deve essere svelato), mentre si sposta soltanto in poche scene fuori da questo sentiero, per spingersi in città e tra i boschi.
Il fatto che la casa apra passaggi per ogni dove, però, aiuta la storia ad essere dinamica e piacevole.
Questo volume è un degno finale per la serie de Il castello errante di Howl perché chiude tutte le porte e lascia il lettore piacevolmente colpito dal risvolto preso nel finale. 
Direi che questa serie è davvero adatta a chi ha voglia di immergersi in una storia magica, sì, ma totalmente diversa da tutte le altre.

4 commenti:

  1. Ciao!
    Ti ho nominato per il "Conosciamoci un po' meglio Tag". Se ti va di partecipare ecco il link: https://unabuonalettura.blogspot.com/2019/04/conosciamoci-un-po-meglio-tag.html

    RispondiElimina
  2. Finora ho letto solo i primi due volumi di questa trilogia e concordo con te che sia davvero magica. Ho recuperato il terzo volume ad una fiera qualche tempo fa ma non mi è ancora venuta l'ispirazione per leggerlo..Dopo la tua opinione super positiva direi che potrei metterlo in lista per le prossime letture.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che anche io mi ero arenata dopo aver letto il secondo? Ho impiegato anni per convincermi a leggere il terzo, ma onestamente non saprei spiegare il perché.

      Elimina

Grazie per essere passato/a! Ti va di farmi sapere la tua opinione? Risponderò al più presto! :)