Chi sono?

Mi chiamo Ilenia e sono una ragazza umbra estremamente curiosa, amante degli animali, della natura, delle scienze, del cibo e dei libri. Amo leggerli, viverli e respirarli, ma anche elaborarli attraverso libri creativi come i colouring books. Non ho un genere preferito ed ho sempre pensato che cercare di abbracciare la lettura nel suo insieme sia un enorme pregio. Ammetto, però, di avere qualche difficoltà con alcuni generi, come gli erotici, gli storici e i gialli (che leggo più raramente rispetto agli altri). In questo blog letterario scrivo della mia passione librosa, con grandissime soddisfazioni. Ho una relazione (molto) a distanza con un ragazzo di nome Gennaro, una figlia pelosa di nome Luna (sì, è la mia gatta, una dei diecimila animali che possiedo) e frequento un'università che detesto (molto). Ho la sfortuna nel sangue, ma cerco di sorridere alla vita!

sabato 8 febbraio 2014

Recensione: 'Uno, nessuno e centomila' di Luigi Pirandello

Buongiorno carissimi, oggi vi mostro la recensione del primo libro selezionato per il mio project!


Titolo: Uno, nessuno e centomila
Autore: Luigi Pirandello
Pagine: 189
Prezzo: € 8,40
Editore: Mondadori

TramaPubblicato nel 1927 è il romanzo più tipico di Pirandello, quello in cui meglio si manifesta il nucleo fondamentale di quel particolare sentimento della vita e della società che sta alla base di tutta la sua grande opera teatrale. Vitangelo Moscarda si convince improvvisamente che l'uomo non è "uno", ma "centomila"; vale a dire possiede tante diverse personalità quante gli altri gliene attribuiscono. Solamente chi compie questa scoperta diventa in realtà "nessuno", almeno per se stesso, in quanto gli rimane la possibilità di osservare come lui appare agli altri, cioè le sue centomila differenti personalità. Su questo ragionamento il tranquillo Gengé decide di sconvolgere la sua vita.

Recensione:

'Uno, nessuno e centomila' è sicuramente un libro molto impegnativo sia sotto il punto di vista dell'aspetto linguistico che della storia in generale ma, allo stesso tempo, è un volumetto molto piacevole.
L'autore si basa totalmente su un aspetto psicologico che è quello del non riuscire più a riconoscere il proprio 'io' come appartenente a noi stessi. Il protagonista Vitangelo è un uomo dalla psicologia contorta e quasi malata, che però porta a riflettere su quanto sia vero ciò che lo turba. Chi siamo noi per gli altri? Perché sì, io mi vedo in un modo, ma in quanti altri diversi modi tutti gli altri si impegnano a vedere me?
Il modo in cui è esposta la storia è inizialmente vago, fatto solo di concetti e pensieri, per poi concentrarsi su qualcosa di più concreto, come la divisione dalla moglie e la decisione nei riguardi della banca ereditata dal padre. I fatti narrati sono sconnessi e le scene saltano da qui a lì senza un' iniziale coerenza, per poi unirci con un filo sottile, che lascia il lettore curioso fino alla fine ma, soprattutto, scioccato dalla decisione di come l'autore ha voluto concludere il libro.
Sicuramente questa non è una lettura che va presa alla leggera, ma un libro da leggere con concentrazione, mente aperta e voglia di ragionare.

14 commenti:

  1. Hai espresso esattamente qual'è il punto centrale di questo libro! Mi fa piacere che ti sia piaciuto, anche se non è proprio un libro semplicissimo. Il personaggio principale, non per niente, è uno dei più complicati ideati da Pirandello. Comunque il titolo, per l'epoca, era geniale! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene Tania, mi fa piacere trovarti d'accordo! E sì,devo dire che il titolo è davvero azzeccato , oltre che geniale.

      Elimina
  2. ciao
    hai ragione. Io ho letto questo libro e ho fatto un po' fatica. Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  3. L'ho letto all'epoca delle superiori, non è un libro semplice , ma molto bello

    RispondiElimina
  4. Adoro Pirandello! Prima o poi avrò il coraggio di affrontare il volumone che raccoglie pressochè tutte le sue opere...Uno, nessuno , centomila è fantastico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Complimenti, io non so se ne avrò mai il coraggio. Non mi ha mai nemmeno sfiorato l'idea ahah

      Elimina
  5. Bellissima recensione!! ma purtroppo non fa per me pirandello!!!

    RispondiElimina
  6. Questa recensione è bellissima! E concordo praticamente su tutto :3

    RispondiElimina
  7. È sul mio scaffale da un po' e devo proprio leggerlo, ci credi che ho circa 4 libri di Pirandello e non ne ho ancora letto nessuno? No no, Melissa... non va bene così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah dai che c'è sempre tempo per leggerli! Io di suoi ho letto soltanto 'Il fu Mattia Pascal' e 'Uno, nessuno e centomila'.

      Elimina

Grazie per essere passato/a! Ti va di farmi sapere la tua opinione? Risponderò al più presto! :)