Chi sono?

Mi chiamo Ilenia e sono una ragazza umbra estremamente curiosa, amante degli animali, della natura, delle scienze, del cibo e dei libri. Amo leggerli, viverli e respirarli, ma anche elaborarli attraverso libri creativi come i colouring books. Non ho un genere preferito ed ho sempre pensato che cercare di abbracciare la lettura nel suo insieme sia un enorme pregio. Ammetto, però, di avere qualche difficoltà con alcuni generi, come gli erotici, gli storici e i gialli (che leggo più raramente rispetto agli altri). In questo blog letterario scrivo della mia passione librosa, con grandissime soddisfazioni. Ho una relazione (molto) a distanza con un ragazzo di nome Gennaro, una figlia pelosa di nome Luna (sì, è la mia gatta, una dei diecimila animali che possiedo) e frequento un'università che detesto (molto). Ho la sfortuna nel sangue, ma cerco di sorridere alla vita!

lunedì 26 settembre 2016

Recensione: 'Dust' di Hugh Howey

Buongiorno carissimi lettori! Oggi vi lascio una nuovissima recensione di un libro che ho adorato, che chiude una serie che mi è piaciuta moltissimo! Come vi avevo detto, ho del tempo libero fino a mercoledì (poi riprenderò con l'università x,x), quindi mi sto mettendo d'impegno per leggere il più possibile. Mi mancava un sacco leggere così tanto!

Titolo: Dust
Serie: Trilogia del Silo #3
Autore: Hugh Howey
Traduzione: Giulio Lupieri
Pagine: 456
Prezzo: € 14,90
Editore: Fabbri Editori

TramaCosa faresti se il destino di tutte le persone che ami fosse nelle tue mani? Se le tue scelte potessero salvare o condannare a morte l'umanità intera? La storia del Silo finisce così, con il ritorno alla polvere. Dust, polvere: quella che cade sugli operai del reparto meccanica mentre scavano un passaggio tra un silo e l'altro. Quella che ricopre una misteriosa macchina, abbandonata durante la costruzione dell'intera struttura. Quella che si accumula all'esterno, sotto un cielo reso feroce dall'aria tossica. In un mondo asfittico, basato su segreti e bugie, qualcuno ha scoperto la verità. E ha intenzione di raccontarla. Jules sa cos'hanno fatto i suoi predecessori, conosce il loro inganno. Sa qual è la ragione per cui la vita deve essere vissuta in questo modo. E non lo accetta. Ma Jules non ha più sostenitori. Per lei c'è qualcosa di molto più pericoloso dell'aria tossica del mondo esterno. Un veleno si sta diffondendo all'interno del Silo 18. Un veleno che non può essere fermato.

Recensione:

Ho aspettato un sacco di tempo prima di leggere quest'ultimo volume della Trilogia del Silo, ma finalmente sono qui a parlarvene e, fidatevi, ho gli occhi a cuoricino mentre scrivo queste righe.
Già dai primi due volumi avevo trovato lo stile di Howey molto scorrevole e piacevole, così come il suo modo di descrivere e dar vita a luoghi impensabili. Nonostante si tratti di silos in cui le persone sono letteralmente prigioniere, l'autore riesce a far venire voglia di essere in quei posti per poter vedere coi proprio occhi il mondo che è riuscito a creare. Trovo che questo particolare sia fondamentale, sopratutto per una storia come questa. Amo tantissimo non soltanto il mondo che ha creato l'autore, ma anche i personaggi. E' impossibile non permettere a Juliette, Solo, Donald, Charlotte e tutti gli altri di entrarti nel cuore, perché sono l'anima della serie e ognuno di essi a un ruolo così ben definito che ti sembra impossibile che possa davvero essere successo di perderne alcuni per strada (sì, questo terzo libro porta con sé molte tombe).
La lettura è stata velocissima, infatti ho letto il volume in pochi giorni, e molto intrigante perché adoro i passaggi da un silo all'altro che causano un'innalzamento assurdo del livello di suspense. Durante tutta la storia il lettore viene trascinato tra il silo 18, il 17 e l'1. Inizialmente il silo 1 mi sembrava quello meno interessante, fino alla parte finale, quando finalmente anche lì le cose si sono rese agitate e intriganti come negli altri due. 
Howey è riuscito davvero a creare una trilogia originale, con qualcosa di mai visto prima e questo si è rivelato un grandissimo pregio in un periodo in cui le letture stavano iniziando a sembrarmi tutte simili tra loro. 
Vi consiglio moltissimo di iniziare la serie se non lo avete ancora fatto, perché è una di quelle che riesce a strapparti un sorriso, ma anche una stretta al cuore nel momento in cui si chiude l'ultima pagina con la consapevolezza che non ci sarà un altro libro dopo quest'ultimo.

12 commenti:

  1. Non vedo l'ora di leggerlo anche io. Purtroppo sono ancora al secondo (Shift).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhhh, sono certa che non ti pentirai di questo volume, come degli altri!

      Elimina
  2. Io sono ancora ferma al primo volume della trilogia ihihih XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E vabbè, c'è sempre tempo per recuperare u.u

      Elimina
  3. Ciao!!! io ho recuperato al momento solamente Wool. Mi hai molto incuriosita e non vedo l'ora di iniziarlo!!

    RispondiElimina
  4. Devo allora correre ad iniziare questa serie non ci sono se e ma <3

    RispondiElimina
  5. segno perché sembra davvero molto interessante!

    RispondiElimina
  6. Ok, mi ero confusa XD ero sicurissima fosse il primo volume questo! Non ci sto più con la testa, sorry!

    RispondiElimina

Grazie per essere passato/a! Ti va di farmi sapere la tua opinione? Risponderò al più presto! :)