Chi sono?

Mi chiamo Ilenia e sono una ragazza umbra estremamente curiosa, amante degli animali, della natura, delle scienze, del cibo, dei giochi da tavola/videogiochi e dei libri. Amo leggerli, viverli e respirarli, ma anche elaborarli attraverso libri creativi come i colouring books. Non ho un genere preferito ed ho sempre pensato che cercare di abbracciare la lettura nel suo insieme sia un enorme pregio. Ammetto, però, di avere qualche difficoltà con alcuni generi, come gli erotici, gli storici e i gialli (che leggo più raramente rispetto agli altri). In questo blog letterario scrivo della mia passione librosa, con grandissime soddisfazioni. Ho una relazione (molto) a distanza con un ragazzo di nome Gennaro, una figlia pelosa di nome Luna che rimarrà per sempre nel mio cuore - e che mi manca da morire da quando non c'è più- e sono laureata in una facoltà che detesto (molto). Ho la sfortuna nel sangue, ma cerco di sorridere alla vita!

lunedì 27 maggio 2019

Recensione: 'La Legge dell'Equilibrio' di Dario Boemia

Buongiorno lettori e buon inizio settimana! Finalmente sono riuscita a concludere questo libro che mi stava facendo compagnia ormai da una decina di giorni a causa del fatto che i recenti impegni mi hanno lasciato davvero poco tempo per leggere. A Maggio ho letto molto poco, soltanto due libri e non credo che riuscirò a leggerne un altro prima della fine del mese. Però chissà? Intanto vi lascio questa recensione!

Titolo: La Legge dell'Equilibrio
Autore: Dario Boemia
Pagine: 241
Prezzo: € 16,00
Editore: BookaBook

Trama: La Confederazione è un insieme di piccoli pianeti governati da un autorevole potere centrale tramite la Legge dell'Equilibrio, secondo cui è possibile lasciare il proprio pianeta solo un giorno ogni cinque anni. Guido e Anna si conoscono per la prima volta appena nati, sul pianeta-ospedale della Confederazione, quando un'ostetrica distratta fa cozzare le loro testoline l'una contro l'altra. Da quel momento i loro destini saranno intrecciati, per quanto abitino su due pianeti diversi. Cosa succede se ci si innamora di qualcuno che abita su un altro pianeta? Com'è nata la Legge dell'Equilibrio e, soprattutto, è possibile infrangerla senza venire uccisi?


Recensione:

La Legge dell'Equilibrio è uno sci-fi per ragazzi che spedisce il lettore letteralmente in un altro mondo. Anzi, in un'altra galassia. Tutta la storia, infatti, ruota attorno all'esistenza di un sistema di pianeti molto piccoli e molto vicini, ma anche molto scollegati tra loro.
Guido, il protagonista, vive su uno di questi mini pianeti e spinto sia dall'amore per Anna che dalla sua voglia di viaggiare e conoscere l'Universo, si mette alla ricerca di una soluzione che gli permetta di comprendere quali segreti vengono celati dalla Confederazione che tiene così a cuore il non voler far incontrare gli abitanti dei diversi pianeti. Guido è un ragazzo molto rigido con se stesso, dal carattere a tratti lunatico, ma anche molto forte. La trama viene narrata tutta attraverso il suo punto di vista, ma nonostante questo non riempie il lettore di pregiudizi. Al contrario, grazie alle analisi interiori ed alle ricerche che Guido fa per il corso di tutto il libro, il lettore impara lentamente a comprendere la verità dei fatti e può quasi decidere da che parte stare. Immancabile, però, è lo schieramento con Guido per quanto riguarda la ricerca della verità celata.
La trama scorre velocemente grazie uno stile narrativo semplice ed equilibrato in cui descrizioni e dialoghi vanno di pari passo ed accompagnano il lettore attraverso una storia fatta di misteri, voglia di giustizia, colpi di scena ed amore. Questo sentimento, per quanto sia parte scatenante della ribellione del protagonista, non prende parte attivamente alla trama e, anzi, viene lasciato in sottofondo. Il lettore sa che c'è la sua presenza e che la storia ruota attorno ad essa, però quel sentimento non diventa mai protagonista e ciò permette al lettore di godersi una storia di stampo fantascientifico senza cullarsi troppo in immagini amorose.
Per quanto l'idea di base non sia originale al 100%, ho apprezzato molto due cose: la prima è l'ambientazione che, per quanto minuscola, è stata ben studiata ed a volte ricorda il nostro mondo mentre altre non vi assomiglia per nulla; la seconda è il fatto che nonostante il tipo di trama portasse quasi a pensarlo, l'autore ha deciso di non inserire l'abolizione di sentimenti. Ho apprezzato particolarmente questa cosa perché ultimamente tutti i fantasy che leggo si reggono su quell'argomento.
Il libro è molto intrigante e piacevole da leggere. Il finale sorprende il lettore, anche se in lui rimane un piccolo punto interrogativo sul come andrà davvero a finire la storia dopo quanto accaduto.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per essere passato/a! Ti va di farmi sapere la tua opinione? Risponderò al più presto! :)